FINALE COUPE DE LA LIGUE BKT: SUDORE FINO ALL'ULTIMO RIGORE

Dopo grandi battaglie sul campo, sofferenze ed esultanze, Guingamp e Strasburgo sono arrivati a giocarsi la finale della Coupe de la Ligue BKT. L’avreste mai detto?

Quello del 30 marzo è stato un calcio di inizio speciale: ad aprire le danze, infatti, sono stati i due Ambassador dell’LFP Youri Djorkaeff e Didier Drogba. In passato i due campioni hanno giocato con la maglia delle finaliste di quest’anno. Djorkaeff ha mostrato tutto il suo talento nello Strasburgo durante la stagione 1989-1990, segnando 21 goal e diventando il terzo marcatore del campionato mentre Drogba, attaccante letale, tra il 2002 e il 2003 ha giocato nel Guingamp, collezionando 40 presenze e 21 goal.

Una finale conclusa 4-1 d.c.r. per lo Strasburgo, che ha vinto per la terza volta la Coupe de la Ligue e che ha interrotto la serie di vittorie del Paris Saint-Germain, la squadra vincitrice delle 5 precedenti edizioni del torneo.

Un match equilibrato che ha suscitato più di un brivido per entrambe le tifoserie. Le due squadre non sono riuscite a sbloccare il risultato nemmeno dopo i supplementari e la tensione è salita alle stelle ai calci di rigore, dove lo Strasburgo ha dimostrato più sangue freddo e lucidità, segnando tutti i rigori, mentre i due errori del Guingamp hanno condannato la squadra bretone alla sconfitta.

UNA MAGNIFICA CORNICE DI SPORT E DIVERTIMENTO

Lo spettacolo è, però, iniziato fuori dallo Stadio Pierre Mauroy, ben prima della partita.

All’ingresso hospitality era impossibile non notare lo pneumatico BKT con i suoi 3,08 metri di altezza, come lo era non accorgersi del Monster Truck del team Grave Digger, un enorme veicolo dotato di ruote gigantesche, progettato per gare a ostacoli e di velocità. Un incontro non proprio da tutti i giorni, così i tifosi ne hanno approfittato per scattare qualche foto, anche con la coraggiosa pilota Krysten Anderson.

Nel frattempo, nei pressi dello stadio, gli appassionati di calcio hanno affrontato una prova di abilità: all’interno di una piccola arena circolare, dovevano colpire con il pallone i bordi luminosi per vincere l’opportunità di partecipare al gioco durante l’halftime della finale della Coupe de la Ligue BKT, in campo e di fronte a 56.000 spettatori: un calcio al pallone per farlo passare attraverso pneumatici di diverse misure; quelli più piccoli assegnavano un punteggio più alto.

L’entusiasmo e la passione si percepivano nell’aria, nemmeno fosse un’altra finale!

UNA SORPRENDENTE SCALATA VERSO LA FINALE

Non sono tra le prime della classe nella Ligue 1, ma, alla Coupe de la Ligue BKT, lo Strasburgo e il Guingamp sono entrambe arrivate in finale partendo dal terzo turno, sorprendendo tutti durante la loro scalata verso la coppa.

La prima vera impresa dello Strasburgo è arrivata nei quarti di finale dove ha sconfitto l’Olympique Marsiglia ai calci di rigore. In semifinale, invece, il colpaccio contro l’Olympique Lione in un match che ha regalato emozioni a non finire.

Ma la squadra che ha stupito di più è stata il Guingamp: ai quarti di finale ha battuto il Paris Saint-Germain, prima in classifica nella Ligue 1. Una partita che si è sbloccata solo nel secondo tempo e che si è conclusa al 93’ con un rigore.

Poi la finale dello scorso Sabato. Un risultato straordinario che dimostra quanto la determinazione e il gioco di squadra possano fare la differenza anche contro le squadre più forti.